FISHING – BARRACUDA TIME

 

The Barracuda is a fish on which you can write a lot of things

Aggressive cuda!

The Barracuda is a fish on which you can write a lot of things, due to the fact that human imagination aided by lieterature and some film second only to “the great white”, have created over time a series of urban legends mainly related to the tropical barracuda not present in Med waters and which can exceed 50kg weight. Let’s begin to disassemble few legends. It is not a poisonous fish, however, in some countries, particularly in the Caribbean – they can, being at the apex of the food chain, accumulating an algal toxin, (potentially deadly neurotoxin), ciguatoxin (disease called ciguatera ). Luckily in Med waters this microscopic alga is not present so the Ciguatera does not exist. The Barracuda is a fish is curious, sometimes aggressive with its preys and lures, but from here to turn it into a killer, and in addition for humans, it takes a long way! Among the things true instead I can say that this fish has inspired may artists, for the more mature I quote the Standells (1967), and for the younger the beautiful song of the 80’s by Ann Wilson, covered by Fergie, Anastacia and others!
Surf on youtube and enjoy hard rock fishing!

You lying so low in the weeds
I bet you gonna ambush me
You’d have me down on my knees
Now wouldn’t you, Barracuda?

(Barracuda, Heart)

text and photo Antonio Varcasia

FISHING – BARRACUDA TIME

 

Il barracuda è uno dei pesci più diffusi nelle acque di tutto il mondo, preda classica di chi pesca con le esche artificiali.

Aggressivo barracuda

Il barracuda è uno dei pesci più diffusi nelle acque di tutto il mondo e per molti versi rappresenta spesso il “battesimo del fuoco” di chi pesca con le esche artificiali. Alcuni lo snobbano, mentre per altri è un pesce divertente e che comunque regala belle emozioni.
Il barracuda mediterraneo, sebbene segnalato da oltre un secolo nelle nostre acque, ha di sicuro aumentato la sua presenza negli ultimi 15-20 anni. Convive con la maggior parte dei predatori costieri, dividendo il territorio più con pesci come il dentice ed altri pelagici che con la spigola, che invece predilige fondali più bassi per cacciare in agguato.
E sul barracuda l’immaginazione collettiva, aiutata da un po’ di cronaca locale malfatta e da un background cinematografico secondo solo a “the great white”, ha creato nel tempo una serie di leggende metropolitane o “da banchina”.
Iniziamo a smontarne alcune.
Non è un pesce velenoso: questa nomea è di importazione, in particolare dai lidi caraibici dove in alcune zone non si mangiano i barracuda di taglia perché possono, essendo all’apice della catena alimentare, accumulare una tossina algale, potenzialmente mortale e neurotossica, la ciguatossina (la malattia si chiama Ciguatera). 
Nelle nostre acque non è presente questa alga microscopica dinoflagellata, per cui non esiste di conseguenza nessuna malattia assimilabile.
Non è un killer spietato: il barracuda è un pesce curioso, anche aggressivo (è un predatore), ma da qui a trasformarlo in un killer, e per giunta di umani, ce ne vuole. 
Peso massimo stimato, 14 chili, peso comune, da adulto, 4-5 chili. Siete troppo grandi per lui…
E riguardo l’aggressività sott’acqua, molte leggende ma, finora, nessun caso davvero conclamato di aggressione. 
Insomma, le probabilità di essere aggrediti da un barracuda sono praticamente inesistenti.
E i rischi legati alla sua presenza nelle nostre acque sono infinitamente minori rispetto a quelli che corriamo ogni volta che facciamo il bagno con predatori più piccoli e agguerriti, come ad esempio le tracine (pericolo reale in questo caso, specie per persone ipersensibili).
Fra le cose vere invece da segnalare la discografia che ha ispirato.
Per i più maturi cito gli Standells (1967), e per gli amanti degli 80’s la bellissima canzone di Ann Wilson, reinterpretata da Fergie, Anastacia e altri, dal titolo scontato.
“Sgabuzzate” su Youtube e godetevi l’hard rock alieutico!

You lying so low in the weeds
I bet you gonna ambush me
You’d have me down on my knees
Now wouldn’t you, Barracuda?

(Barracuda, Heart)

testo e foto Antonio Varcasia